Mondiale J24 day 1: USA avanti, ma con un po' di Italia a bordo

Data
Lun, 27/08/2018

Spettacolo a Riva del Garda: 89 J/24 inaugurano il Campionato del mondo in una giornata a dir poco fantastica sul Garda Trentino

L’Italia e il lago di Garda hanno portato un mondiale da record con l'ampliamento del numero di barche ammesse rispetto ai precedenti campionati. Sei barche australiane, quattro giapponesi, cinque statunitensi, una brasiliana sono quelle oltreoceano.

Tre prove e statunitensi - con Andrea Casale e Giuliano Cattarozzi a bordo - subito avanti con al timone il già campione del mondo Will Welles; Ungheresi secondi (J.Bond 037) e ancora USA (HoneyBadger) al terzo posto; bene l’Italia con la Superba e Aria, rispettivamente al quarto e quinto posto
Prima giornata dei Campionati del Mondo J24 organizzati alla Fraglia Vela Riva e in programma fino a venerdì 31 agosto a dir poco fantastica, con cielo terso, sole e vento da sud sui 12-15 nodi che ha permesso di iniziare al meglio con 3 regate della durata di circa 1 ora ciascuna. Uno spettacolo vedere le 89 barche pronte sulla stessa linea di partenza (con barca Comitato al centro tra due gommoni/pin) e soprattutto con i colorati spinnaker scendere il vento, ma altrettanto spettacolari e agguerriti i giri di boa, che non hanno risparmiato qualche contatto e passaggio ravvicinato. Gli statunitensi, in testa all’albo d’oro dei mondiali disputati dal 1979 al 2017 con 22 vittorie contro le 4 di Italia e Brasile, si sono già fatti notare dato che occupano la prima e terza posizione della classifica provvisoria. Ma in realtà il primo della classifica provvisoria, l’americano campione del mondo 2014 Will Welles, ha a bordo anche gli italiani Andrea Casale (alla tattica) e l’armatore trentino Giuliano Cattarozzi, che evidentemente tiene ancora testa alla figlia Federica pluri-campionessa nel Laser giovanile. Kaster è in testa con due secondi e un quinto davanti agli ungheresi di J. Bond 037 con alla barra Bala’zs Tomai, ottimamente primo e secondo e sedicesimo nella terza e ultima regata di giornata. Terzi gli altri statunitensi di HoneyBadger con Odenbah Travis al timone, più regolari senza grandi spunti (14-7-8). Buon avvio azzurro con Ignazio Bonanno e i ragazzi de La Superba (campioni italiani 2017) quarti con un terzo nella prima prova, seguito da un 18 e un 10; ad un punto di distacco, quinto assoluto, Marco Frulio su Aria (17-9-6). Da tenere sicuramente d’occhio l’altra barca statunitense “Furio” con il fuoriclasse Keith Whittemore che dopo un negativo 31, si è ripreso con un primo e un secondo; attualmente è settimo, ma con l’inserimento dello scarto con le successive regate facilmente avanzerà in classifica. EOS, la barca timonata dal fragliotto e rivano Gianni Torboli con al fiocco il vicepresidente della Fraglia Vela Riva Paolo Matteotti, è un po’ arretrata anche perchè penalizzata da una partenza anticipata nella seconda prova, ma per Torboli è comunque una conquista essere sulla linea di partenza considerato che un mese fa è stato colpito da un malore.
Sponsor tecnico del J24 World Championship 2018 è Alce Nero (www.alcenero.com), il marchio di agricoltori, apicoltori e trasformatori biologici impegnati dagli anni ’70 nel produrre cibi buoni, frutto di un’agricoltura che rispetta la terra e la sua fertilità. 


Classifiche: http://www.fragliavelariva.it/sites/default/files/regatta/r2477-result-f5780.pdf
Photo gallery (in aggiornamento): https://photos.app.goo.gl/goYfD9Xwyho4RkhV8
photo credit: Elena Giolai©
Video giro di boa race 1: https://youtu.be/VI5ORYNFQuA